COPPA ITALIA SERIE C BASEBALL: ARRIVEDERCI

squadra divertente (2)

Finisce agli ottavi di finale l’avventura dei Buffaloes in Coppa Italia sconfitti in casa 15-3 dal Milano ’46. Un match difficile per i biancorossi che non sono mai entrati in partita apparendo contratti e quasi timorosi nei confronti dei pur forti, coriacei e blasonati avversari.

crippa lodi    arieni lodi

Manager Crippa affronta da rivale e non con poca emozione il suo passato ed un po’ a sorpresa schiera sul monte di lancio Arienti, mancino sino ad oggi impegnato in una sola ripresa in Coppa Italia ma reduce da una serie di allenamenti positivi. Dietro il piatto di casa base Boccato con Foglio in prima, Zappella in seconda, Miraglia interbase e Garcia in terza. Agli esterni Putti, Neri e Vaghi con Petrozza battitore designato. Le avvisaglie che non si tratti di una bellissima giornata arrivano dalle prime due riprese. I meneghini segnano 3 punti (1 al primo grazie ad una base balls, una base rubata, un lancio pazzo ed un sacrificio e 2 al secondo con un singolo, 2 basi per balls ed un battitore colpito) mentre i Bufali ricevano 3 basi balls e subiscono 3 strike-out e soprattutto in due occasioni vengono fucilati nel tentativo di rubare dalla prima alla seconda sulla via 26. Sotto di tre punti è lecito attendersi un ritorno di fiamma che però non arriva. Anche al 3° ed al 4° inning i Buffaloes restano al palo (nessuna valida ed in più al 4° si vedono chiudere in faccia l’inning con un kappone a basi piene riempite per altro solo grazie a due basi per balls, 1 battitore colpito ed una palla persa del catcher avversario). Dal canto suo Milano invece non molla e continua a macinare punti: 2 al quarto e ben 7 al quinto che risultano determinati per l’esito del match. Nel corso della quarta ripresa Arienti lascia il monte di lancio (per lo starter biancorosso una sola valida concessa ma ben 7 basi balls elargite, troppe) ad Escalante che anche in questa occasione, come già avvenuto in avvio di annata, fatica a dare del tu alla zona dello strike. Al 5° Milano colpisce 3 valide (due doppi ed un triplo) al momento giusto e tarpa definitivamente le ali ad ogni sogno di rimonta biancorossa. Nella seconda parte del 5° i Bufali danno l’unico segnale di risveglio domenicale e con 2 valide (un doppio di Garcia ed un triplo di Boccato) segnano 3 punti che rendono meno amara una sconfitta che comunque arriva al 7° dopo che Milano nel proprio ultimo turno di battuta segna altri 3 punti rendendo più corposo il punteggio finale.

garcia edwin  escalante

Numericamente parlando da segnalare le sole 2 valide biancorosse contro le 8 degli avversari ma soprattutto grande riflessioni sui troppi regali nostrani (12 basi balls, 3 battitori colpiti e 3 errori difensivi). Nel box di battuta 12 strike out subiti e la media battuta di squadra giornaliera di 100 ne è una chiara ed evidente dimostrazione. Ma siamo solo all’inizio. La stagione è ancora lunghissima. Abbiamo detto addio alla Coppa Italia ma è dal campionato che ci attendiamo grandi cose dai nostri ragazzi che sicuramente saranno capaci di rimettersi subito in piedi e dare il meglio di loro stessi. Go, Buffaloes Go