OGGI ACCADDE: 18 FEBBRAIO 1944

nuxall

A metà degli anni ’40 la Seconda Guerra mondiale e la conseguente partenza per il fronte di molti giocatori professionisti statunitensi fece sì che i roster delle franchigie a stelle e strisce si restrinsero notevolmente. Manager e general manager furono costretti ad ingaggiare giocatori delle Leghe Minori per far fronte agli impegni stagionali. Il 18 Febbraio 1944 i Cincinnati Reds misero sotto contratto Joseph Henry Nuxhall, lanciatore mancino, nato ad Hamilton nell’Ohio nel 1928, che presto stabilì un record invidiabile. Il 10 Giugno 1944 al Crosey Field nel corso del 9° inning di Reds-St. Louis Cardinals fa il suo esordio in Major League all’età di 15 anni e 316 giorni divenendo il più giovane giocatore in campo nella storia delle Majors. Una presenza non brillante visto che in 0,2 riprese lanciate concede 5 basi balls e 2 battute valide.

Dopo questa apparizione Nuxhall torna a giocare nelle Minors per tornare ai Reds nel 1952. Da allora (ad eccezione di una breve parentesi nel ’61 a Kansas City e nel ’62 a Los Angeles) gioca sempre in National League con Cincinnati sino al 1966 divenendo il pitcher nella storia dei Reds con il maggior numero di partite giocate (484). Per Nuxhall in carriera 130 partite vinte dal mound con una media PGL vita di 3,90 su un totale di 2302,2 riprese lanciate. Subito dopo aver appeso il guanto al chiodo intraprende la carriera di radiocronista. Dall’aprile del 1967 alla conclusione della stagione 2004 diviene la voce ufficiale dei match dei Reds. Muore di cancro nel novembre del 2007 ed in sua memoria è stata costruita una statua che si trova all’ingresso dello stadio di Cincinnati