OGGI ACCADDE: 29 GENNAIO 1958

Il mondo del baseball apprende con angoscia la notizia dell’incidente stradale occorso al catcher dei Dodgers Roy Campanella. Tornando a casa, dopo aver chiuso il proprio negozio di liquori, la sua Chevrolet scivola su una lastra di ghiaccio nei pressi di Apple Tree Lane a Glen Cove nella contea di Long Island andando a sbattere contro un palo del telefono. Lo schianto, avvenuto a 48 kmh, procura a Roy la frattura della quinta e sesta vertebra cervicale che lo lascia paralizzato dalle spalle in giù. Negli anni la terapia fisica riuscì solo a fargli recuperare parzialmente l’utilizzo delle braccia.

1956-1011

Roy Campanella, detto Campy, era nato a Filadelpia il 19 Novembre 1921 e per tutta la carriera, dal ’48 al ’57, ha vestito la casacca dei Brooklyn Dodgers con i quali ha vinto un’edizione delle World Series nel 1955 in finale sui New York Yankees. In 10 stagioni da professionista colleziona 1215 presenze nelle Majors con all’attivo 1161 battute valide (tra cui 178 doppi, 18 tripli e 242 fuoricampo) per una media battuta di vita di 276. Eletto nella Hall of Fame nel 1969, Campanella ha preso parte a 8 edizioni dell’All Star Game e per ben 3 volte è stato eletto MVP della National League nelle annate 1951, 1953 e 1955. Di chiare origini italiane (i genitori erano siciliani) è scomparso il 26 Giugno 1993 in California all’età di 71 anni.