OGGI ACCADDE: 6 GENNAIO

Due i compleanni da ricordare oggi nella nostra rubrica quotidiana. Il primo relativo ad un grande delle Majors Usa ed il secondo nostrano.

main_1-early-gus-wynn-signed-gold-hall-of-fame-postcard-jsa-coa-pristineauction-com1

Il 6 Gennaio 1920 nasce ad Hartford, Early “Gus” Wynn jr, lanciatore statunitense che ben 23 anni ha militato in Major League vestendo la casacca di Washington Senators, Cleveland Indians e Chicago White Sox. In carriera ha vinto 300 partite dal monte di lancio con 2334 strike outs all’attivo ed una media PGL vita di 3,54. Ha preso parte a 7 edizioni dell’All Star Game ed è stato eletto nella Hall of Fame nel 1972. Su Wynn due curiosità da menzionare. La prima: nel periodo scolastico quando giocava sia a baseball che a football americano stava per aggiudicarsi il titolo di miglior quarterback della scuola quando in uno scontro di gioco si fratturò una gamba. Decise di lasciare il football per dedicarsi completamente al baseball e lo stesso Wynn negli anni descrisse quell’infortunio come “la miglior frattura della mia vita”. Il secondo è invece relativo al suo carattere. Veniva considerato uno dei pitcher più intimidatori di sempre alternando palle veloci a lanci pericolosamente interni che più volte colpivano i battitori avversari. Nel 1956 durante una partita tra i suoi Cleveland Indians ed i Washington Senators fu colpito in pieno volto da una linea di Josè Valdivielso. Wynn perse 7 denti e ci vollero ben 16 punti di sutura per risistemargli la bocca. I battitori USA giudicarono questo evento una punizione divina in virtù del suo atteggiamento minaccioso dal mound. Ma veniamo a casa nostra perché oggi compie 30 anni Rodrigo Vezzoli, pitcher destro che ha militato con i Buffaloes in serie C1 nel 2008. Bovisio quell’anno chiuse al 4° posto in campionato e Rodrigo giocò 17 partite ottenendo una media battuta di 500 (6 valide su 12 turni nel box con 1 doppio e 4 punti battuti a casa). Dal monte di lancio invece 75,2 riprese lanciate con 64 valide concesse e 49 strike-out all’attivo.