Jazz vs Red Panthers: missione compiuta!

IMG_3932
Flegetonte, è stato Flegetonte l’unico dominatore della giornata. 34 gradi sul campo incandescente di Settimo Milanese, sole a picco. Tre ore di partita, estenuanti anche per chi ha seguito dagli spalti. Festa dell’integratore salino, e della birra ghiacciata per gli stoici supporters. 

Tralasciando l’evidente disagio di chi volontariamente decide di praticare uno sport che preveda tutto questo, veniamo ai fatti. Bovisio c’è, dopo lo scivolone contro Cernusco. Missione compiuta: 8-17 il risultato finale, che, a meno di ripensamenti sul regolamento, garantisce alle nostre l’accesso ai Play Off.

Torna partente Martinelli, torna dietro al piatto Crippa. Ferraris-Cattani-Stizzoli-Colzani, con Riva-Rosoni-Nucibella all’esterno. Formazione rimaneggiata per far fronte agli infortuni dell’ultimo incontro, Stizzoli fuori dal box causa tendinite, Riva lascia il suo solco sulla seconda base e si sposta all’esterno, Radaelli costretta ad abbandonare la lotta dopo una brutta distorsione. A disposizione Tregnago e Van Geldorp. Tra le fila del Settimo, è definitiva l’assenza della lanciatrice e anima del gruppo Ambra Terzi; il suo infortunio ha segnato definitivamente la stagione delle Panthers, dopo un ottimo avvio di campionato.

Il copione è stato quello di una lunga partita, che le Jazz non hanno saputo chiudere al momento giusto. 0-0 al primo inning, dal secondo è iniziato l’arrembaggio dell’attacco ospite. Aiutate dai pitcher di casa e da una difesa decisamente poco lucida, al terzo inning il risultato è di 10-0. Tiene benissimo Martinelli sul piatto, aiutata dal gel rinfrescantenergizzante sponsorizzato da Olgiati. Dentro Van Geldorp e Tregnago per Colzani e Stizzoli, nessuna base ball concessa fin qui, si approda al quarto inning al grido di “questa partita potete perderla solo voi”. Detto fatto, 6 punti a casa per il Settimo, che su una serie di Texas e leggerezze difensive si riporta pericolosamente sotto.

Ma la brutta esperienza della domenica precedente, la maturità ormai alle spalle e la maggiore età raggiunta hanno permesso di scrivere un’altra conclusione: subito uomini in base per le Jazz, e due punti a casa. La difesa di Bovisio concede poi un punto alle ragazze di casa, ma tiene e chiude lasciando le basi cariche. Si va al sesto e ultimo attacco, con il bomber Martinelli che non si smentisce e spinge ancora a casa su una lunga valida. Non manca l’appuntamento con l’extrabase Ferraris, e il conto si ferma con 5 punti a consolidare il vantaggio. Tentano l’ultimo arrembaggio le Pantere, ma Cattani prima e Ferraris poi strappano con l’ultimo centimetro del guanto gli ennesimi Texas. Chiude Nucibella con il terzo out dietro la prima. Per le grida di gioia si aspetta il responso federale.

Infine, un Brava! alla nostra Giorgia Alberio, in prestito al Legnano, che sul campo di Rovigo ha messo a segno il terzo Homerun in carriera.

Domenica 12 l’ultimo (doppio) incontro con Vercelli al Natalino Indrigo. Portate i sali, si prevedono 36 gradi. Si spera che le mazze Jazz siano altrettanto bollenti.

Francesca Rosoni